Ciclismo femminile, intervista a Marta Tagliaferro del team Alé Cipollini

Ciclismo femminile, intervista a Marta Tagliaferro del team Alé Cipollini

Oggi parliamo di ciclismo femminile e intervistiamo una stella della nazionale italiana: Marta Tagliaferro.
Marta è veneta, precisamente della provincia di Vicenza ed è un’atleta di prim’ordine del panorama del ciclismo femminile. Nella stagione in corso, la 2014, corre con il team Alé Cipollini (le yellow-fluo ladies – per il colore della divisa) insieme a cicliste da tutto il mondo.

Ciclismo femminile Alé Cipollini
Il team Alé Cipollini

La “bici rosa” è una disciplina in continua crescita e diffusione, fortunatamente, e oggi vogliamo conoscere da vicino una delle atlete più importanti d’Italia.
Niente ruote grasse in questo articolo dunque, ma ne vale la pena!

Qualche dato su Marta:

Anno di nascita: 1989
Tipo di cilista: passista
Team: Alé Cipollini
Altezza: 162
Peso: 55 kg

La carriera nel ciclismo femminile di Marta Tagliaferro

2013
2 giorni in MAGLIA BLU al Giro Rosa
1° posto GP Hotel Fiera di Bolzano
2° posto GP Città di Porto San Giorgio
2° posto nella 2^tappa dell’International Thuringen
2° posto nella 6^tappa del Trophee D’Or
3° posto nella 1^tappa Giro Rosa
3° posto nella Classica Città di Padova
3° posto nella 4^tappa Tour of Qatar
4° posto nella 3^tappa Tour of Qatar
5° posto nella 1^tappa Tour of Qatar
5° posto Campionato del Mondo cronosquadre

2012
4° posto nella 1^ e 3^ tappa Thüringen-Rundfahrt
2° posto nella 1^ tappa Trophée d’Or Féminin
5° posto nella 5^ tappa Trophée d’Or Féminin
3° posto nella Classifica Generale Trophée d’Or Féminin
2° posto nella 1^ tappa Giro della Toscana

2011
5 nella 6^ Tappa del Giro di Toscana
7 nella 2^ Tappa del Giro di Toscana

2010
5 TOUR OF CHONGMING ISLAND WORLD CUP WE 2010
6 Tour of Chongming Island WE 2010
7 GP Liberazione WE 2010
8 Campionato Nazionale su strada – Italia WE 2010
2 campionato europeo

2009
9 Novilon Eurocup Ronde van Drenthe
8 CAMPIONATO NAZIONALE SU STRADA – ITALIA
1 campionato europeo su pista

Ciclismo Rosa intervista a Marta Tagliaferro
Intervista a Marta Tagliaferro

Marta, ora sei ciclista professionista della Cipollini, ma come hai iniziato?

Tutto iniziò esattamente 17 anni fa, all’età di 8 anni. Mio papà tornò a casa dal lavoro e propose a mio fratello Enrico di provare a correre in bicicletta. Lui inizialmente rifiutò e io, da solita ficcanaso, sentii e chiesi di poter correre io al posto suo. All’inizio mio papà volle bocciare la mia idea ma poi si informò se era possibile far correre anche le bimbe e dopo aver ricevuto una risposta positiva mi portò a fare i primi allenamenti.

Sei di ritorno dalla Colombia, dai Campionati del Mondo su Pista Elite con la nazionale. Com’è andata?

Di strada ne ho fatta un bel po’ e proprio ora sto tornando dai campionati del mondo di Cali su pista: diciamo che la prestazione non è stata delle migliori (qui il link alla cronaca di gara), ho disputato una prova a squadre, l’inseguimento a squadre, e abbiamo ottenuto solo un dodicesimo posto al di sotto delle nostre aspettative e possibilità.

Ciclismo femminile - nazionale italiana
La nazionale italiana di ciclismo femminile

Il 2013 è stato un anno molto positivo per te, tanti ottimi piazzamenti. Hai fatto una preparazione atletica particolare?

Il 2013 è stato sicuramente un anno da ricordare sotto l’aspetto dei risultati, nella fase di preparazione invernale ho fatto parecchia palestra e base di forza (qui l’approfondimento sugli sport alternativi e qui sul potenziamento delle gambe).
Si tratta di elementi fondamentali per affrontare una stagione al meglio da febbraio a ottobre. Diciamo che la palestra è la parte fondamentale per un’atleta come me, che ha nella potenza costante l’arma migliore.

Marta in azione
Marta in azione

Ancora preparazione atletica: come e quanto ti alleni mediamente durante la settimana?
La gara più bella?

Mediamente mi alleno 2,5 ore al giorno, poi dipende dal periodo della stagione. In alcuni momenti non scendo per 20-25 giorni sotto le 4 ore d’allenamento quotidiane.
La gara più bella è il Giro d’Italia, ha un sapore particolare correre in casa.

Domanda di rito: MTB, la pratichi? Nell’annata quante uscite fai? Ti piace?
Obiettivi 2014 e del prossimo futuro?

MTB purtroppo non la pratico, mi piace molto, ma tra pista e strada non riesco a ritagliarmi fuori il tempo necessario e più di 8-10 uscite all’anno non riesco a fare.
Mi piace molto, mi aiuta a superare certi limiti che spesso la testa mi mette. Quando esco in MTB acquisisco abilità e successivamente riesco a rischiare di più quando mi trovo sopra la bici da corsa.
I miei obiettivi per il 2014 sono migliorare l’annata passata e riuscire ad ottenere qualche vittoria di prestigio in campo internazionale.

Grazie a Marta Tagliaferro per l’intervista, ci ha scritto direttamente dalla Colombia.
La vicentina è un’atleta di prim’ordine e, come ci ha fatto capire, lo stress fisico e mentale è enorme. Lottare tra le prime della classe è tanto bello quanto difficile.

Ci fa piacere vedere come la MTB sia un aiuto anche per il ciclismo su strada: pedalando sulle ruote grasse si riesce ad allenare l’abilità e l’elasticità mentale per allontanare sempre più il limite.

Grazie ancora Marta e in bocca al lupo!

NON CI SONO COMMENTI

Rispondi