Gran Fondo Spaccapria 2013, il resoconto della Marathon dei cinghiali!

Gran Fondo Spaccapria 2013, il resoconto della Marathon dei cinghiali!

1627

La Spaccapria Euganea 2013 era un evento attesissimo nella zona dei Colli Euganei, dopo la bellissima XC 7 Guadi – Wilier Triestina del 28 Aprile scorso.
La gara di oggi, nota anche col nome di Marathon dei Cinghiali, presentava un percorso inedito con una Marathon di 60 km (dislivello 1800 metri) e un tracciato Classic di 41 km (dislivello 1050 metri circa). La novità dell’edizione 2013 era il passaggio fuori e dentro le mura di Villa Beatrice, location spettacolare in mezzo ai Colli Euganei.
Da non dimenticare che la Spaccapria 2013 ha fatto parte del circuito Trek Zerowind.

Cos’è successo?

Dopo la pioggia nella notte tra sabato e domenica è uscito un timido sole, offrendo una temperatura ideale per girare sui pedali.

La partenza della Spaccapria 2013
La partenza, come quella della XC 7 Guadi, è avvenuta “col botto”: lo start è stato dato dalla Società del Pum con vere e proprie “cannonate”.

Fin da subito in testa al gruppo è andato Damiano Ferraro (Team Trek Selle San Marco), dando un ritmo davvero alto. Ciò gli ha permesso di mantenere la posizione di vertice nella gara chiudendo con il tempo di 2 ore, 46 minuti e 19 secondi con il compagno di bandiera Walter Costa (Team Trek Selle San Marco) a poco più di 2 minuti di distacco.

Damiano Ferraro vincitore della Spaccapria 2013

Ha chiuso il podio un Thomas Paccagnella (Team Adventure Bike) davvero in forma. L’atleta ha girato sempre all’attacco rosicando posizioni di chilometro in chilometro. Il mitico Marzio Deho della Cicli Olympia l’abbiamo visto sin dalle prime battute molto “sciolto”. Probabilmente non ha aperto il gas al 100%, chiudendo al decimo posto assoluto.

Il podio della Spaccapria 2013

Tra le donne una strepitosa Anna Ferrari del team Adventure Bike ha padroneggiato tutta la gara fin dalle prime battute.
Per quanto riguarda il percorso corto vittoria di Nicola Terrin del team Spezzotto con 1h, 58’. Hanno chiuso il podio Nicola Salvetti (Team Bussola) e al terzo posto Barizza Luigi (Scavezzon squadra corse).
Una menzione particolare al terzetto Estebike per la gara Classic femminile: in testa l’inossidabile Monica Squarcina con a seguire De Lorenzo Pos e Cappellari.

Conclusioni

I due tracciati hanno messo a dura prova gli atleti fin dalle prime battute di gara e lungo tutto il percorso reso insidioso dall’altimetria (alcuni strappi davvero impegnativi) e da certi single track con massiccia presenza di fango. Non a caso il vincitore Damiano Ferraro ha corso con una gomma molto tassellata all’anteriore, il modello Hutchinson Toro. Per il posteriore invece un copertone Hutchinson Black Mamba.

Il copertone anteriore Hutchinson Toro del vincitore

I corridori sono arrivati al traguardo veramente stanchi, merito sia del tracciato fangoso che della tecnicità di alcuni tratti. I nostri complimenti vanno quindi a tutti gli atleti, vero spettacolo di questa domenica mattina sui Colli Euganei.

Sulla nostra pagina facebook tutte le foto della Spaccapria 2013, non perdertele!

NON CI SONO COMMENTI

Rispondi