Pneumatico MTB invernale: test Rubena Charybdis 29er!

Pneumatico MTB invernale: test Rubena Charybdis 29er!

2176

Pneumatico MTB invernale, quale montare? Quale scegliere tra le varie offerte proposte dal mercato?
Ce ne sono veramente di tutti i tipi e il biker ha solo l’imbarazzo della scelta. Come sempre però bisogna capire quali sono le esigenze, i percorsi, il numero di uscite settimanali e molte altre variabili per trovare il pneumatico MTB invernale perfetto per le proprie esigenze.
Così, dopo aver analizzato i copertoni MTB primaverili, presentato i copertoni Schwalbe Tunder Burt e mostrato le caratteristiche tecniche dei copertoni XC per l’inverno, andiamo a mostrare i risultati del nostro test di 1000 km del Rubena Charybdis CRX per 29er.

Pneumatico MTB invernale, il test sul campo del Rubena Charybdis CRX!

Ho testato per poco più di 1000 km il copertone Rubena Charybdis CRX 29×2″ all’anteriore della mia MTB montato su cerchio Ryde Trace XC e devo dire che mi ha piacevolmente sorpreso.

Il montaggio

Il montaggio è stato semplice e pure il tallonamento, il pneumatico MTB invernale è andato in sede semplicemente con la pompa da terra!
Ho messo 80 ml. di lattice Caffelatex di Effetto Mariposa in un secondo momento ed il copertone stava su da solo senza perdere aria. Decisamente un buon segnale dato che molti altri Tubeless Ready spesso hanno microforature soprattutto sui fianchi che necessitano di molto sigillante per essere chiuse. E’ altrettanto un buon segnale perché contraddistingue un copertone robusto.
Una volta montato e gonfiato a 1,8 atm (vedi la guida sulla corretta pressione dei copertoni) fa segnare una larghezza di 49 millimetri. Un po’ stretto forse, se si cerca solo il comfort. Di contro però bisogna evidenziare tutti i vantaggi del caso, soprattutto sui terreni infangati.

Le caratteristiche tecniche del Rubena Charybdis CRX

Modello: Rubena Charybdis CRX Tubeless Supra black
Misura: 29×2″, ETRTO 52-622
Peso dichiarato: 560 grammi
Mescola: CRX, Carbon Racing X – lite Compound
Peso massimo rider: 123 kg
Carcassa: 127 tpi, densità 1,02 g/cm2

Caratteristiche tecniche Rubena Charybdis

Il test di 1000 km del pneumatico MTB invernale!

Durante i 1000 km (circa) ho percorso terreni di tutti i tipi e in differenti condizioni meteo, ciò che mi ha veramente impressionato è stato il grip nelle condizioni di terreno fangoso.
Un valore non da poco dovuto alla sezione contenuta e alla conformazione dei tasselli alti e ben pronunciati. Sia nel dritto che in piega in curva l’aderenza è sempre di altissimo livello. Una volta lasciato il sentiero “sporco” i tasselli scaricano molto bene il fango.

Addirittura la neve ha fatto da compagna per qualche km durante il test e anche su questo fondo il Rubena Charybdis ha confermato la propria indole aggressiva!

Pneumatico MTB invernale

Pro e contro del Rubena Charybdis

Come ho accennato prima, l’unico neo di questo copertone è la sezione dichiarata da 2″ (in verità 1,85-1,90″). Su terreni asciutti e battuti non dona un grande comfort.
D’altro canto non si può avere botte piena e moglie ubriaca: se fosse più largo non darebbe il suo meglio sul fango. Bisogna inoltre
 evidenziare che, quando ci si piega in curva, su asfalto o asciutto battuto, la forte struttura di questo copertone non lo fa spanciare, assicurando così una forte stabilità.
Altro elemento da tenere in considerazione è che in 1000 km percorsi su sentieri di bosco e anche su pietraia il copertone non si è mai tagliato o forato!

In definitiva lo posso consigliare sia sulle bici 27,5 che 29er come copertura all’anteriore nei periodi invernali oppure primaverili e autunnali quando i sentieri sono per lo più bagnati.

La versione da 29 (e disponibile anche per 26 e 27.5) utilizzata per il test del copertone Rubena Charybdis è sul nostro store!

Recensione
Rubena Charybdis
Fondatore di bikedirection.com. Aggiungimi su Facebook: +Carlo Rinaldo.

NON CI SONO COMMENTI

Rispondi