Schwalbe Racing Ralph Evo Pacestar Snakeskin 29×2,25, la recensione dopo 600 km!

Schwalbe Racing Ralph Evo Pacestar Snakeskin 29×2,25, la recensione dopo 600 km!

6892

Schwalbe Racing Ralph Evo Pacestar Snakeskin 29×2,25, probabilmente uno dei copertoni più usati al mondo da chi corre su MTB.
Nelle prossime righe una recensione completa, con un’analisi del perché il pneumatico tedesco sia così amato da biker professionisti e da amatori evoluti.

Un test lungo seicento km!

Qualche tempo fa vi avevamo detto che lo staff di Bike Direction pedala su 29er. Siamo ancora convinti di questo standard e quindi il test degli Schwalbe Racing Ralph Snakeskin fa riferimento alla versione destinata ai ruotoni, 29 x 2,25.

Quali sono le caratteristiche degli Schwalbe Racing Ralph Evo Pacestar Snakeskin?

Battistrada e tassellatura: dallo scorso anno la spaziatura dei tasselli è stata rivista, i tecnici Schwalbe hanno voluto ottimizzare questo pneumatico anche per ruote maggiorate da 27,5 (650b) e 29 pollici. I tasselli sono ravvicinati per aumentare l’impronta a terra e dunque garantire un miglior rotolamento e più velocità. Ai lati del battistrada i tasselli sono più alti e distanziati per assicurare un eccellente grip nelle curve.
Non dimentichiamoci che la tassellatura è l’elemento fondamentale nei pneumatici invernali.

Costruzione: il sistema tubeless ready degli Schwalbe Racing Ralph Evo Pacestar Snakeskin è caratterizzato da una pellicola interna al copertone, con tenuta ermetica per assicurare una tenuta stagna anche per il lattice antiforatura da mettere all’interno.
Il tessuto SnakeSkin protegge al meglio dal contatto con pietre aguzze e taglienti, con un aggravio di peso di circa 70 grammi rispetto alla versione EVO.

Caratteristiche distintive: il tallone del pneumatico è ricoperto da un particolare strato di gomma che evita lo slittamento nel cerchio in fase di frenata (Limited Slip Technology).
La mescola Triple Star Compound caratterizza il copertone con una base molto scorrevole. Nella parte centrale è più tenace per garantire maggior durata, mentre è più morbida nei tasselli laterali per assicurare grip in curva.

Recensione degli Schwalbe Racing Ralph Evo Pacestar Snakeskin per 29er

schwalbe racing ralph evo pacestar 29er

Innanzitutto un cenno alla latticizzazione: si è dimostrata semplicissima ed il copertone ha tallonato alla prima gonfiata. Abbiamo aggiunto lattice dalla valvola e dai fianchi non ne è uscito nemmeno un goccio. Ciò testimonia la perfetta e robusta costruzione del nostro pneumatico in versione tubeless Ready Snakeskin.

Da segnalare che la nostra bilancia ha storto un po’ il naso constatando 20 grammi in più del dichiarato, ma ci importa relativamente perché in questo caso cercavamo la robustezza e non la leggerezza estrema. Volevamo testare a fondo lo Schwalbe Racing Ralph Evo Pacestar Snakeskin 29×2,25.

La pressione

La pressione che abbiamo sempre cercato di mantenere durante le uscite è stata: 1,8 bar l’anteriore e a 2 bar il posteriore. Ciò per supportare bene i miei 75kg. Ovviamente si tratta di una scelta personale, c’è chi predilige ruote gonfie e nervose e chi invece preferisce una risposta morbida.

Nei circa 600 km percorsi abbiamo cercato di pedalare su sentieri e strade tra le più diverse, proprio per testare questo pneumatico su ogni tipo di terreno.

Impressioni

Sull’asciutto ovviamente è una scheggia. Il rotolamento è molto veloce e, nonostante ciò, l’anteriore ha una eccellente tenuta non facendo mai slittare l’avantreno nemmeno su terriccio e “brecciolino”.
Nei sentieri umidi lo Schwalbe Racing Ralph Evo Pacestar Snakeskin 29×2,25 è stato messo a dura prova anche nelle contropendenze ed in curva, trovando qualche sorpresa. Il posteriore rimane sempre attaccato al suolo garantendo la massima sicurezza anche nelle curve veloci, non perdendo mai grip, nonostante il terriccio umido.

Schwalbe Racing Ralph 2014 29er

L’anteriore inizia ad andare in difficoltà quando pieghiamo in situazioni dove il fango è più concentrato. I tasselli ravvicinati nel centro del battistrada non aggrediscono adeguatamente la fanghiglia. In condizioni di bagnato meglio optare per un Rocket Ron, il fratello con tasselli più pronunciati e distanziati, per aggredire e scaricare meglio il fango.

La prova “extreme”

Il gran finale: dove metterlo a dura prova?
Nella nostra amata pietraia! Qui avevamo avuto il piacere di vedere accoltellati sia la leggerissima versione Evo sia altri pneumatici Bontrager e Specialized superleggeri. Com’è andata?
Mai tagliato e forato, davvero un carro armato!

recensione racing ralph 29er

Per chi è indicato lo Schwalbe Racing Ralph Evo Pacestar Snakeskin?

Si tratta di un copertone fenomenale. Fa il suo lavoro e lo fa dannatamente bene.
E’ affidabile in quasi tutte le condizioni e su terreni differenti. Il fango è il suo unico tallone d’Achille, ma è naturale sia così, è il gioco della coperta.
La versione Snakeskin (disponibile anche per 27.5) da una garanzia incredibile contro i tagli e le forature, permettendo una guida sempre piacevole e sicura che permette di azzardare quel… “qualcosa in più” soprattutto nelle discese più dissestate.
Cosa aspetti? Prova lo Schwalbe Racing Ralph Evo Pacestar Snakeskin 29×2,25!

Recensione
Valutazione
Fondatore di bikedirection.com. Aggiungimi su Facebook: +Carlo Rinaldo.

NON CI SONO COMMENTI

Rispondi